Home Economia croata panoramica
2011/51 island of Brac, building plot with project
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita: 345 .000 €
Sup. commerciale: 370 m²
Sup. verde priv.: 590 m²
Piscina, Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage

Proprietà Croazia Dettagli
Casa prima fila - Isola di Hvar - parzialmente ristrutturato
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita: 550 .000 €
Sup. commerciale: 120 m²
Sup. verde priv.: 1300 m²
Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Infrastrutture

Proprietà Croazia Dettagli
Casa - Rogoznica
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita: 680 .000 €
Sup. commerciale: 200 m²
Sup. verde priv.: 200 m²
Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Infrastrutture, Parcheggio / garage

Proprietà Croazia Dettagli
Isola di Brac - Terreno in riva al mare con il progetto
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita: 430 .000 €
Sup. verde priv.: 1126 m²
Prima fila al mare, Vista del Mare, Infrastrutture

Proprietà Croazia Dettagli
Casa - Rogoznica
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita: 550 .000 €
Sup. commerciale: 300 m²
Sup. verde priv.: 500 m²
Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Infrastrutture, Parcheggio / garage

Proprietà Croazia Dettagli

CROATO ECONOMIA PANORAMICA

Obiettivi e politica di riforme economiche

Economia croata è una delle economie di mercato più forti e sviluppate nel Sud-Est Europa. La Croazia ha lo status di candidato per l'adesione all'UE (i negoziati inizieranno nei primi mesi del 2005) e questo creerà condizioni sempre migliori per un ulteriore sviluppo economico. La priorità della politica economica croata è quello di continuare a costruire una economia di mercato stabile e forte, competitiva su scala globale. I gradini sono in corso per rafforzare la spinta commerciale e di ridurre la spesa pubblica, per rafforzare il ruolo della scienza e delle nuove tecnologie nell'economia con conseguente aumento della produzione e della crescita delle esportazioni e l'occupazione.

Per raggiungere questi obiettivi, le condizioni saranno creati per il mantenimento di elevati tassi di crescita economica, soprattutto attraverso una maggiore competitività e flessibilità del mercato. Stabilire dinamico mercato del lavoro contribuiranno a ridurre la disoccupazione come uno dei problemi più dolorosi di economia domestica.

Il grande debito estero e il deficit della bilancia dei pagamenti sarà trattata con l'aumento della produzione e delle esportazioni facilitato da nuove misure di politiche fiscali ed economiche, come la stimolazione delle attività di esportazione, la ristrutturazione delle grandi aziende statali, e migliorare la competitività dei prodotti croati nei mercati globali. Inoltre, la spesa pubblica sarà ridotta dalla riforma e il sistema dell'amministrazione statale verrà ridimensionato in modo da ridurre il fabbisogno di prestiti stranieri.

Caratteristiche generali

Dal 1993 al 2003, investimenti diretti esteri in Croazia sono ammontati a oltre 9,5 miliardi di dollari. Il maggiore importo è stato investito nel settore delle telecomunicazioni (21%) e servizi di denaro (20%), produzione di prodotti farmaceutici, prodotti petroliferi e strutture turistiche. Industria, agricoltura, produzione di cibo e la costruzione non è ancora stato riconosciuto come interessante da parte di investitori potenziali, ma spero che questo cambierà nel prossimo periodo.

Agricoltura

Agricoltura, silvicoltura e pesca per conto di circa l'8% del PIL. La diversità di clima, il paesaggio e il suolo in Croazia consente una variegata gamma dei prodotti agricoli, e il basso livello di inquinamento è favorevole allo sviluppo della produzione ecologica. Nel 2003, c'erano 3.14 milioni di ettari di terra arabile, il 46,5% dei quali aratri campi e giardini, vigneti 1,8%, 1,7% e 0,5% frutteti oliveti, mentre la restante parte erano prati e pascoli. Out of 1.46% milione di ettari di aratro campi e giardini, 1,08 (74%) erano in colture. Due terzi delle terre coltivabili appartiene ad aziende a conduzione familiare (81,6% di aratro campi, giardini, frutteti, oliveti, vigneti e prati, dei pascoli e il 40,5).

egosp1.jpg


Come conseguenza della guerra, e il partito a causa della transizione all'economia di mercato negli anni 1990, industria del bestiame è ancora battuta 30% in meno rispetto a prima della guerra.

egosp2.jpg


Fishery

Carpe e trote coltivare la base per l'agricoltura pesce d'acqua dolce (la cattura in acque aperte è negligente in termini commerciali). Tuttavia, nonostante la secolare tradizione, la produzione di pesce in terraferma Croazia sta diminuendo anno dopo anno. Per contratto, l'allevamento di pesce in Adriatico si sta espandendo da diversi decenni da aggiungere alla cattura relativamente modesto (escl. i pesci pelagici). Negli ultimi anni, l'allevamento del tonno si è notevolmente sviluppata principalmente per soddisfare la domanda sul mercato giapponese.

egosp3.jpg

egosp4.jpg


Industria

Circa un quarto del totale della forza lavoro in Croazia è impiegato nell'industria che fa circa un quinto del PIL. Tra i rami di industria di trasformazione (83% del totale della produzione industriale) la quota maggiore del PIL è rappresentato dalla produzione di prodotti alimentari, bevande e bibite, la produzione di prodotti chimici e prodotti chimici e prodotti petroliferi. Seguono la produzione di altri prodotti non metallici minerali, prodotti in metallo (esclusi macchine e attrezzature), editoria e stampa, e la cantieristica navale.

egosp5.jpg


Turismo

La Croazia offre diverse forme di turismo, tra vacanze sulla costa adriatica e le isole, immersioni, caccia, pesca, turismo della salute con 19 mare e terme continentali, yachting con più di 40 porti turistici e più di 15.000 posti barca, e altri. Grazie alla sua lunga tradizione, il turismo nei conti Croazia per una parte più grande del PIL che nella maggior parte degli altri paesi in transizione. Con 46,6 milioni di pernottamenti e attesi US $ 5,7 miliardi di ricavi, nel 2003 il turismo ha rappresentato circa il 20% del PIL. Politica di sviluppo del governo croato si basa in gran parte un forte sviluppo di questo settore e tenta di accelerare la privatizzazione degli alberghi e delle capacità turistiche. Il crescente interesse e l'arrivo dell'operatore reputazione dell'hotel mondo, nonché una migliore qualità dell'offerta per i ricchi visitatori è notevole.

Costruzione

Durante l'ultimo decennio del secolo scorso, industria delle costruzioni ha attraversato un momento molto difficile segnato non solo dalla guerra nel paese e dalle regioni limitrofe, ma anche lo smantellamento di grandi dimensioni di proprietà dello Stato riguarda la costruzione e la perdita dei mercati tradizionali della ex Unione Sovietica, Africa e Medio Oriente. Grazie alla privatizzazione e adeguamento alle nuove condizioni di mercato e il rilancio dei lavori di costruzione nel paese, in particolare la costruzione di autostrade, questa industria è a capo di un recupero rapido. Conti di costruzione di circa il 6% del PIL. Nel 2003, le attività di costruzione è cresciuto del 22,8% rispetto all'anno precedente, per la causa della maggior parte alla costruzione di autostrade.

Trasporti e delle telecomunicazioni

Trasporti e comunicazioni rendono circa il 9% del PIL. 1990 sono stati fortemente segnato dalla impatti negativi della guerra e le frontiere chiuse. A causa di instabilità politica a est della regione e alla creazione di corridoi di traffico alternativi, trasporto di transito non è ancora stato ripristinato il livello prebellico.

La Croazia ha più di 28.500 km di strade con solida base, di cui circa 600 km di autostrade. Lo sviluppo di infrastrutture stradali è una delle priorità del governo, allo scopo di realizzare croata potenzialità come un nodo di traffico. Nel 2003, oltre 150 km di nuova costruzione autostrade sono state aperte al traffico.

Croatian ferrovie collegano tutte le principali città in Croazia e le principali porti croati con i paesi vicini. La Croazia ha attualmente 2726 km di ferrovie, 36% elettrico alimentato. La priorità è quella di modernizzare la Zagabria-Rijeka e Zagabria-Spalato linee. Porti principali sono Rijeka, Split e Ploce, mentre i principali aeroporti sono Zagabria, Spalato, Pola, Dubrovnik e Zara. Vettore aereo nazionale Croatia Airlines offre collegamenti con 14 paesi europei, e conta attualmente una delle nuove flotte in Europa. Rete di telecomunicazioni in Croazia è gestito da Telecom croata che è il 51% di proprietà di Deutsche Telekom. Ci sono due operatori GSM, HTmobile e VIPnet.

Indicatori macroeconomici di base



Prodotto Interno Lordo



Nel 2003, il PIL è stato di US 28,3 miliardi dollari o US $ 6378 pro capite, con una crescita reale del 4,3% e un aumento del valore aggiunto lordo del 4,9%. La crescita del PIL è stata soprattutto incoraggiata da grandi investimenti nella costruzione di strade. Rispetto agli anni precedenti, i consumi privati ​​è sceso. Bilancia dei pagamenti

Nel 2003, il deficit della bilancia dei pagamenti è stato 2 miliardi di dollari o 7,2% del PIL a causa del deficit di scambio di merci estere (8 miliardi di dollari). Tale elevato disavanzo in valuta estera-bilancia commerciale è dovuto principalmente al calo US $: EUR tasso di cambio di circa il 20%.

Inflazione

La Croazia è un grande successo la stabilità dei prezzi e il valore della moneta nazionale, principalmente a causa della sua impresa e una politica monetaria restrittiva. Dall'inizio del 2004, l'Ufficio nazionale di statistica ha iniziato a pubblicare un indice dei prezzi al consumo come una nuova misura dell'inflazione che riflette i cambiamenti nel livello dei prezzi di beni e servizi tra i due periodi.

egosp6.jpg


Riserve in valuta estera

Le riserve in valuta estera della Repubblica di Croazia hanno costantemente cresciuto fino a raggiungere quasi 8,2 miliardi dollari USA entro la fine del 2003, che corrisponde al 5,7 mesi l'importazione di beni e servizi.

egosp7.jpg


Il debito estero

Alla fine del 2003, il debito estero della Croazia è stato di circa US 23,7 miliardi dollari, o circa l'83% del PIL. Una gran parte l'aumento del debito, tuttavia, è stato causato dall'indebolimento del dollaro. La quota delle banche nel debito estero è cresciuto (31,5%), mentre la quota del governo di fatto diminuita (dal 45,4% del 2001 al 35,6% nel 2003).

Disoccupazione

Alla fine del 2003, vi erano 318.700 disoccupati in Croazia, e il tasso di disoccupazione era del 18,1%. Malgrado la sua diminuzione (ha superato il 23% alla fine del 2001), la disoccupazione rimane uno dei maggiori problemi dell'economia. Si noti, tuttavia, che la disoccupazione in Croazia include tutti coloro che non hanno una occupazione legale permanente, e se la metodologia dell'Organizzazione internazionale del lavoro sono state applicate, tasso di disoccupazione sarebbe molto inferiore, circa il 15%.

Credit rating

Il rating della Croazia con tutte le agenzie di credito di primo piano è di circa allo stesso livello. Per qualche tempo, la Croazia ha avuto BBB-lungo termine rating (Standard & Poors) o Baa3 (Moody). Standard & Poor ha confermato di recente il suo BBB-rating e cambiato le prospettive future del merito di credito della Croazia da stabile a positivo. Lo scambio delle merci con il mondo

Secondo i dati definitivi, il valore totale della borsa merci della Croazia con il mondo era un po 'meno di US 20,4 miliardi dollari nel 2003, che era 30,5% in più rispetto all'anno precedente. Oltre l'85% dello scambio delle merci è stato realizzato con i paesi europei. Lo scorso anno, la Croazia esportato 6,2 miliardi di dollari del valore di merci o 26,2% in più rispetto all'anno precedente, mentre il valore delle importazioni ha raggiunto 14,2 miliardi dollari USA ovvero il 32,5% in più rispetto al 2002.The deficit nella bilancia dello scambio delle merci era degli Stati Uniti 8 miliardi dollari, e la copertura di importazione da parte delle esportazioni è stato solo del 43,5%.

I principali partner commerciali della Croazia da parte della destinazione delle esportazioni della Croazia sono l'Italia (US 1,65 miliardi dollari), Bosnia-Erzegovina (892), Germania (733), Slovenia (511), Austria (479), dalle fonti di importazione della Croazia che sono l'Italia (US $ 2581), Germania (2221), Slovenia (1052), Austria (941) e Francia (749).

Per quanto 89,8% dello scambio di merci tratta di prodotti dell'industria di trasformazione. Questo ramo rappresenta il 94,3% del totale delle esportazioni e il 87,9% del totale delle importazioni. Mining è al secondo posto con il 6,2%, grazie alle importazioni di petrolio greggio e gas naturale. Questi due sono seguiti da agricoltura, caccia e silvicoltura, con una quota in borsa merci totale del 2,5% o 2% in import croato e del 2,7% in croato export.

 

egosp8.jpg

egosp9.jpg



Investimenti nella Repubblica di Croazia

Investimento dintorni

Quadro giuridico per gli investimenti

Possibilità di investimento in Croazia



Investimento dintorni

L'istituzione di un incentivo economico circostante, in co-ordigni con le norme che prevalgono nella UE e nei paesi con economie di mercato si è ampliato, è uno degli obiettivi primari della politica economica del governo della Repubblica di Croazia.

Essere consapevoli dell'importanza degli investimenti diretti esteri per lo sviluppo futuro del paese ed è forte contributo alla ristrutturazione e modernizzazione dell'economia, il rafforzamento della concorrenza internazionale e la creazione di nuovi posti di lavoro, il governo è fermamente impegnato per l'ulteriore sviluppo delle condizioni per la crescita degli investimenti esteri diretti. E 'impegno a riformare l'economia nazionale, con l'obiettivo di aumentare l'attrattiva della Repubblica di Croazia per gli investitori stranieri, è qualcosa che il governo vuole raggiungere, sia sul fronte locale e internazionale.

A casa, con la sicurezza di stabilità politica, il governo sta portando avanti la politica di stabilità macroeconomica e il controllo delle finanze pubbliche, il miglioramento del saldo di bilancio e del controllo delle spese di bilancio, favorendo l'espansione delle piccole e medie imprese, il regolamento e la liberalizzazione dei mercati dell'energia, la privatizzazione delle grandi imprese nel settore pubblico e il rafforzamento delle norme e meccanismi di controllo del settore finanziario. La politica monetaria restrittiva della Banca nazionale croata è garantire la stabilità interna e la convertibilità della valuta locale.

La divisione per l'esportazione incoraggianti e Investment presso il Ministero dell'Economia, del lavoro e delle imprese è responsabile per l'attuazione della legge sulla promozione degli investimenti, cioè per fornire incentivi e agevolazioni fiscali e tariffarie sia per gli investitori nazionali ed esteri. Inoltre, la Divisione ha detto è anche responsabile di fornire tutte le informazioni necessarie su come avviare le imprese e gli investimenti in Croazia. Nel 2002, Agenzia per la promozione delle esportazioni e degli investimenti è stato istituito presso il Ministero dell'Economia, del lavoro e delle imprese ed è responsabile per la promozione di esportazione della Croazia e il potenziale di investimento all'estero.

Sul fronte internazionale, la Croazia è attivamente coordinando il suo legislatore con le norme dell'OMC e partecipa anche a un nuovo round di negoziati, è firmatario dell'accordo di stabilizzazione e di associazione con l'Unione europea, nonché un accordo temporaneo che disciplina l'economica le relazioni tra la Croazia e l'UE sin dall'inizio del 2002, collabora strettamente con il Fondo monetario internazionale con il quale l'esecuzione di un accordo stand-by è stato completato con successo nella prima metà dell'anno, e sta eseguendo il programma per la rimozione delle barriere amministrative come una parte del prestito per l'adeguamento strutturale della Banca mondiale.

Particolare attenzione viene data alla liberalizzazione del commercio basato principalmente sulla reciproci accordi bilaterali sul libero scambio coordinato con le norme dell'Unione europea e l'Organizzazione mondiale del commercio. Compreso l'accordo temporaneo con l'UE, la Croazia ha firmato accordi di libero scambio con 30 paesi europei. Circa l'80% dello scambio totale della Croazia commercio estero si svolge nelle condizioni di libero scambio, senza il peso dei costumi. La piena adesione al CEFTA è prevista nel corso del 2002 e sotto il riparo del Patto di stabilità, insieme agli altri Stati membri, l'accordo d'intesa sulla liberalizzazione e la facilitazione degli scambi è stato firmato ed è in corso di attuazione.

Quadro giuridico per gli investimenti

Gli investimenti esteri in Croazia sono protetti dai decreti della Costituzione della Repubblica di Croazia ed è regolata dalla Legge sulle società commerciali e le altre norme di legge.

Principi di base:

Trattamento nazionale degli investitori stranieri, la parità di investitori esteri con le aziende locali, mentre soddisfa le condizioni di reciprocità. Le garanzie costituzionali che i diritti di investimento non possono essere successivamente annullata o ridotta. Libero rimpatrio dei profitti, dopo l'adempimento di tutte le obbligazioni e il pagamento delle imposte. Il rimpatrio di capitali per la revoca degli investimenti è garantita anche dalla Costituzione della Repubblica di Croazia.

Tipi di investimenti esteri:

Un investitore straniero può stabilire qualsiasi tipo di soggetto giuridico previsto dalla Legge sulle società commerciali. Gli stranieri, come la gente del posto, possono stabilire succursali, società a responsabilità limitata, società per azioni, società di comando e società commerciali pubbliche.

Gli stranieri possono fare investimenti in modo indipendente o come un gruppo di investimento insieme con un ente locale o persona giuridica, con la quota di proprietà straniera essere illimitata.

Misure di incentivazione e privilegi:

A seconda della dimensione degli investimenti e il numero di nuovi posti di lavoro aperte, la legge sugli incentivi agli investimenti consente agli investitori importanti misure di incentivazione, sgravi fiscali e privilegi doganali.

Le misure di incentivazione: il rilascio delle autorizzazioni per la costruzione, il rilascio di proprietà o altri oggetti infrastrutturali per l'uso, di proprietà della Repubblica di Croazia o in unità di autogoverno locale, in favorevoli condizioni commerciali, assistenza all'apertura di nuovi posti di lavoro in forma di premio unico di 15.000 kn per dipendente, l'assistenza in materia di istruzione professionale o riqualificazione professionale, consentendo fino al 50% del costo della formazione o di riqualificazione.

Gli sgravi fiscali è stato approvato in base alle dimensioni degli investimenti e la garanzia dell'impiego di un determinato numero di dipendenti, per i criteri seguenti:

Dimensioni del tasso d'imposta sugli investimenti sulla durata utile del numero minimo privilegio di dieci dipendenti mil.kn 7% 10 anni 30 20 mil.kn 3% 10 anni 50 60 mil.kn 0% 10 anni 75

Vengono concessi privilegi speciali per gli investitori che si trovano nelle aree di cura per lo Stato in cui si applica la ritenuta sugli utili a 5, 10 o 15%, a seconda della zona in cui operano.

Privilegi doganali riguardano la rinuncia al pagamento del dazio doganale per l'importazione di attrezzature che forma una parte dell'investimento (ad eccezione di automobili personali di cilindrata di oltre 1500 ccm).

Gli investimenti in zone franche

Oltre al consueto esonero dal pagamento delle tasse e dei costumi per tutte le merci prodotte nella zona franca e destinate all'esportazione, gli utenti della zona che hanno investito oltre 130.000 euro in infrastrutture sono esenti dalle imposte sul reddito per un periodo di cinque anni. Altri utenti della zona pagano il 50% l'aliquota normale dell'imposta sul profitto.

Immobili di proprietà diritti:

Nel rispetto del principio di reciprocità e per l'approvazione del Ministero degli Affari Esteri, uno straniero può ottenere diritti di proprietà per la proprietà nella Repubblica di Croazia.

Quando uno straniero si apre in Croazia, tale società è considerata come locale, è consentito di ottenere i diritti di proprietà senza limitazioni.

Concessione diritti:

Diritti di concessione può essere rilasciata agli stranieri in base ai risultati di una gara pubblica per un massimo di 99 anni o 40 anni nel caso di terreni agricoli.

Tasse e tariffe fiscali:

Imposte - Imposte sul reddito del 20% - 15, 25 e 35%, a seconda della quantità di valore economico aggiunto - il 22%, a parte le esenzioni che sono 0% Trasferimento di tassa di proprietà - 5% della tassa successione regali - 5% di Lusso beni d'imposta - 30% e così via

Possibilità di investimento in Croazia

L'economia della Repubblica di Croazia è relativamente moderna. Nella struttura del Prodotto Interno Lordo, due terzi del patrimonio nuova produzione proviene dal settore dei servizi, un po 'meno del 10% da agricoltura, circa il 5% dalle costruzioni, mentre il resto proveniente dal settore, compresa l'estrazione, l'estrazione e la fornitura di energia elettrica, gas e acqua.

L'economia croata non è fortemente dipendente su qualsiasi particolare attività. Tuttavia, alcuni settori e alcune attività sono più prospettico, propulsiva e hanno più potenzialità rispetto ad altri. Con la sua posizione dominante nella formazione del PIL, il settore dei servizi si distingue come avere il ruolo di primo piano, una posizione che saprà sicuramente tenere in futuro, soprattutto per quanto riguarda il turismo, la sezione finanziaria e commerciale sono interessati. Secondo gli esperti, altri settori interessanti per gli investimenti sono l'industria, l'agricoltura e la produzione alimentare, edilizia, trasporti, comunicazioni, ecc

Gli investimenti diretti esteri

Secondo le cifre da parte della Banca nazionale croata, dal 1993 fino alla fine del 2003, gli investimenti diretti esteri in Croazia pari a USD 9,5 miliardi. E 'importante notare che fino al 1996, gli investimenti sono stati registrati solo la proprietà, mentre dal 1997 gli investimenti totali inclusi gli utili reinvestiti e gli altri non-proprietà arrangiamenti.

Grafico 1: investimenti diretti esteri in Croazia per anno

invest1.gif


Fonte: Banca Nazionale Croata

I primi notevoli investimenti stranieri in Croazia ha avuto luogo dopo il 1995 e il completamento delle operazioni di successo di liberazione militari nel paese, mentre la privatizzazione notevole dei sistemi statali di grandi dimensioni e le banche nel 1999.

Grafico 2: Gli investimenti diretti esteri in Croazia, 1993-primo trimestre del 2004 (per settori)

invest2.gif

Fonte: Banca Nazionale Croata

Nel periodo 1993-2003, gli investimenti esteri diretti in Croazia è stato realizzato in un certo numero di settori. A causa della privatizzazione delle telecomunicazioni croata, le grandi banche croate e la vendita di parti Pliva sui mercati europei, il 52% di tutti gli investimenti stranieri si è concentrata in settori industriali delle telecomunicazioni, bancario e farmaceutico. Questi sono stati seguiti da investimenti dell'industria petrolifera, produzione di cemento, alberghi, ristoranti, ecc Nel primo trimestre del 2004,. maggior parte degli investimenti sono andati al settore del commercio (cca 70%), petrolio greggio e di gas naturale (7,8%), industria della birra (7,3%) e delle costruzioni (6,3%).

Grafico 3: investimenti diretti esteri in Croazia, 1993-primo trimestre del 2004 (da parte dei paesi di origine)

invest3.gif


Fonte: Ente Nazionale Croato per Banka

Secondo gli investimenti per paese di origine, il più grande investitore in Croazia in questo periodo era l'Austria, che costituiscono oltre il 25% di tutti gli investimenti stranieri. Il secondo più grande investitore è la Germania con oltre il 20%, mentre gli Stati Uniti è terzo con il 16%. Sono stati seguiti da Lussemburgo, Paesi Bassi, la Gran Bretagna con l'Irlanda del Nord, Slovenia, Italia, Liechtenstein, Svezia e così via.

Il totale degli investimenti diretti esteri per il 1993-primo trimestre del 2004, periodo ha raggiunto 1,16 miliardi di USD. La maggior parte è andato per l'industria farmaceutica (58,5%), seguito dal trasporto marittimo e costiero, telecomunicazioni, intermediazione finanziaria, ecc Durante questo periodo, le imprese croate hanno investito principalmente in Svizzera (33,5%), Bosnia-Erzegovina ( 16,5%) e Polonia (13,5%).

Questo documento proviene dal Ministero degli Affari Esteri della Repubblica di Croazia sito www.mfa.hr

BROKER, agenzia immobiliare team.

 

Ultimi appartamenti

Riviera di Makarska - Penthouse di sul mare
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : Consultateci
Sup. commerciale : 220 m²
Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
Riviera di Makarska - Appartamenti al mare
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 550 .000 €
Sup. commerciale : 110 m²
Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
Isola di Korcula - Appartamento al mare
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 220 .000 €
Sup. commerciale : 81 m²
Piscina, Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
isola di Ciovo - Appartamenti di lusso e casa
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 400 .000 €
Sup. commerciale : 130 m²
Sup. verde priv. : 40 m²
Piscina, Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
Korcula, Appartamento al mare, 72 m2
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 225 .000 €
Sup. commerciale : 186 m²
Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli

Ultimi case in Croazia

Isola di Hvar - Casa prima fila al mare
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 800 .000 €
Sup. commerciale : 390 m²
Sup. verde priv. : 1600 m²
Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
Peljesac - Casa / villa in riva al mare
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : Consultateci
Sup. commerciale : 200 m²
Sup. verde priv. : 405 m²
Piscina, Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Infrastrutture, Parcheggio / garage, Barbecue
Proprietà Croazia Dettagli
vicino a Omis - Casa
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 595 .000 €
Sup. commerciale : 275 m²
Sup. verde priv. : 330 m²
Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
Zona di Zara - Casa
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : Consultateci

Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
Casa vicino Pakostane
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 470 .000 €
Sup. commerciale : 186 m²
Sup. verde priv. : 250 m²
Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli

Ultimi ville in Croazia

vicino a Dubrovnik - Villa
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : Consultateci
Sup. commerciale : 300 m²
Sup. verde priv. : 680 m²
Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
Zona Rogoznica - Villa di recente costruzione vacanza
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 800 .000 €
Sup. commerciale : 195 m²
Sup. verde priv. : 887 m²
Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
vicino a Crikvenica - Villa
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 770 .000 €
Sup. commerciale : 350 m²
Sup. verde priv. : 614 m²
Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
Isola di Brac - Villa
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : Consultateci
Sup. commerciale : 763 m²
Sup. verde priv. : 692 m²
Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
villa vicino a Crikvenica
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 900 .000 €
Sup. commerciale : 640 m²
Sup. verde priv. : 1060 m²
Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli

Ultimi terra in Croazia

Terra prima fila al mare - Rogoznica
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 250 .000 €
Sup. commerciale : 100 m²
Sup. verde priv. : 400 m²
Prima fila al mare, Vista del Mare, Infrastrutture
Proprietà Croazia Dettagli
2011/51 island of Brac, building plot with project
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 345 .000 €
Sup. commerciale : 370 m²
Sup. verde priv. : 590 m²
Piscina, Terrazza, Prima fila al mare, Vista del Mare, Parcheggio / garage
Proprietà Croazia Dettagli
isola di Korcula. terreno edificabile
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 200 .000 €
Sup. verde priv. : 500 m²
Prima fila al mare, Vista del Mare, Infrastrutture
Proprietà Croazia Dettagli
isola dei fini turistici Terreno edificabile Pag + Terreno agricolo
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : Consultateci
Sup. verde priv. : 67000 m²
Prima fila al mare, Vista del Mare
Proprietà Croazia Dettagli
Rogoznica - terreno edificabile con rudere
Proprietà Croazia Dettagli
Prezzo di vendita : 255 .000 €
Sup. commerciale : 70 m²
Sup. verde priv. : 620 m²
Prima fila al mare, Vista del Mare
Proprietà Croazia Dettagli